Viaggiatore, Voyageur, ПУТНИК
“Comunque la spedizione mi dava una buona ragione per rimettermi in viaggio, per riprovare quella gioia unica che solo i drogati di partenze capiscono, quel senso di libertà che prende nell’ arrivare in posti dove non si conosce nessuno, di cui si è solo letto nei libri altrui, quell’ impareggiabile piacere nel cercare di conoscere in prima persona e di capire”. (Tiziano Terzani)

Dic
26

Da oggi Laika non è più sola nelle verdi pianure del cielo, Cirillo il piccolo cucciolo  trovatello che arrivò fra noi  nel 2004 e di cui Laika fu mamma adottiva e maestra di vita, oggi ci ha lasciato per il suo ultimo viaggio da solo come arrivò…. lui che ha scalato montagne, corso per pianure verdi, viaggiato per mezza Europa,  lui che nel tempo ha lottato e vinto tante malatte con la forza di una voglia di vivere senza limiti, oggi ha trovato la pace. Ha lasciato un vuoto incolmabile e un esempio di forza amore fedeltà coraggio unici, che ti fanno capire quanto sia grande e meravigliosa la vita….mio amatissimo Cirillo compagno di vita in questi 10 anni meravigliosi, grazie per tutto quello che mi hai dato…credimi nel mio cuore un posto sarà sempre riservato a quei tuoi occhi grandi in cui ho potuto leggere cosa è la vera amicizia e il vero affetto. Ciao Cirillo raggiungi Laika correte insieme felici, due stelle nel cielo.. io vi raggiungero un giorno e insieme continueremo il nostro viaggio per l eternità.  Un bacio e una dolce carezza…ci mancherai grande campione di vita.

20130618_162215

Mag
22

Seguimi su Libero Mobile

Set
12

la città è troppo bella….ci ritorno volentieri e guardate le immagini…buon viaggio

DSC_2221DSC_2381DSC_2449DSC_2497DSC_2536DSC_2589DSC_2644DSC_2728DSC_3333DSC_3739

Lug
19

San Pietroburgo, città voluta sulle rive del fiume Neva in Russia dallo Zar Pietro I il Grande , ricca di mistero e fascino. Nelle sue strade riecheggiano i suoni della storia, l’allegria e la simpatia dei suoi abitanti, le notti bianche illuminano l’ aria di una chiarore che invita al sogno. Parlare di San Pietroburgo, dell’ Hermitage e dei numerossissimi luoghi e siti che offre alla visita, non basterebbe un giorno intero….Vi invito solo a visitarla se potete (i periodi migliori sono in Giugno, Agosto e Gennaio per chi ama il freddo intenso ma secco). Selezionando questo link a fotografie fatte da me….un piccolo omaggio ad una grande città patrimonio dell’ umanità ed alla sua gente.

Nov
08

laika2.jpg

Laika, meraviglioso cane di razza meticcia, piena di dolcezza e amore che ha seguito me
e la mia famiglia nella vita ed in ogni viaggio fatto in Europa per 3 anni. Fisicamente aveva alcuni
problemi, tra cui un solo occhio, che superava con un grande animo ed una grande forza e soprattutto
regalando un grande amore senza chiedere nulla altro che affetto.

Vorrei ricordarla qui sul blog…con una lettera

Laika, meravigliosa compagna di tutta la nostra famiglia nella vita e ovunque siamo stati, tu che hai sempre
amato viaggiare godendo delle bellezze della natura col tuo piccolo ed unico occhio sempre pieno di gioia
ed amore per tutti..ora sei partita da sola per quel viaggio che tutti faremo verso l’ eternità, coraggiosamente ed in delicato
silenzio come sei vissuta. Sei stata con noi solo tre anni: un lampo di tempo, ma un infinito per l’ amore che ci hai dato …
Ieri il dolore per la tua scomparsa…Oggi l’ immensa nostalgia di te…domani la gioia di riincontrarti
nell’ eternità.
Buon viaggio piccola e dolce Laika….vai, corri libera nei prati luminosi dell’ eternità, esplora quel meraviglioso
mondo di luce come facevi nella natura…e quando sicuramente ci rincontreremo lassu’ tu ci guiderai volgendoci lo sguardo
con quel tuo piccolo occhio, faro di amore e generosità, per non lasciarci mai più.
Ciao Laika, lontana nell’ eternità ma in noi per sempre.

La tua famiglia.

Laika 1

Set
22

Orvieto….per le vie di una splendida cittadina d’ arte umbra per respirare l’ aria del medioevo ed assaggiare sapori perduti…buon viaggio.

Set
22

L’ Abbazia di Monte Cassino un’ opera d’ arte risorta dalle ceneri della guerra….patrimonio per l’ intera umanità. Le immagini parlano da sole… buona visione.

Lug
15

A 66 km. da Cracovia si trovano le località di Oswiecin e Brzezinka, tristemente note  con i nomi di Aushwitz e Birkenau, sedi di campi di sterminio nazisti dove trovarono la morte circa 4 milioni di persone, per la maggior parte ebrei e polacchi. Fu il più grande campo di sterminio in Polonia. Patrimonio universale dell’ Unesco è dovere ricordarlo,  in quanto vi è stata scritta un’atroce pagina della storia recente. Non si allega alcuna immagine per rispetto… ma l’impatto visivo, lascia sconvolti e  supera ogni immaginazione. Per non dimenticare mai!

Lug
15

karczma

La cucina polacca è molto buona e ricca di tradizioni. E’ assimilabile a quella dell’Europa Centrale, con influsso di quello che fu l’Impero Austro Ungarico.
Non è raro quindi trovare, tra le varie proposte, il gulasch all’ungherese piuttosto che la wiener schnitzel, la classica cotoletta viennese.
Piatti tipici tradizione polacca: il barszcz (zuppa di barbabietole, tipo il borsch russo), i bigos (piatto con carne e crauti), i pierogi (sorta di ravioli ripieni di carne o formaggi, ) golonka (stinco di maiale al forno), i pyzy (simili agli gnocchi di patate) ed altri piatti tipici. Nella tipica birreria -karczma – vengono servite appetitose pietanze prevalentemente da ragazze nei tipici costumi regionali. accompagnate dalla birra polacca che è ottima e viene servita generosamente in tutti i locali; tra le marche principali la Okocim e la Zywiec.
Bevanda frequente è la vodka : dalla vodka “bianca” alla Zubrowka, nota per un caratteristico filo d’erba che proviene dalla foresta di Bialowieza.
i golabki (piccioncini, polpettoni di riso e carne avvolti in foglie di cavolo, al sugo) ed il tradizionale bigos (crauti stufati con salsicce e carne)

Lug
13

part1per le vienotturnomercatotrampolini olimpiciper le vie di Zakopanepanorama

Meta del mio più recente viaggio è stata Zakopane – città della Polonia Meridionale ai piedi dei Monti Tatra. Luogo frequentato in gioventù da Papa Giovanni Paolo II, che usava camminare e immergersi nella meditazione lungo i sentieri delle meravigliose montagne che fanno da corollario ad uno splendido paese. L’ indimenticato Pontefice descriveva la sua Polonia con queste meravigliose parole, che ben si adattano alla bellezza che qui si respira:

” Qui mi sembra che parli con una forza eccezionale
l’azzurro del cielo, il verde dei boschi e dei campi,
l’argento dei laghi e dei fiumi.
Qui il canto degli uccelli mi suona, particolarmente familiare,
polacco…”

Zakopane è inoltre famosa per il turismo e la sua ricettività alberghiera è molto buona. Da segnalare la gastronomia, semplice, legata alle tradizioni montanare, ma preparata con tanta cura e maestria. I piatti si possono consumare in ristoranti tipici accompagnati sia da buona birra che dalla musica di violini a cui fa da sfondo la esibizione di cappelle corali dei montanari in abiti tradizionali.

Caratteristica è la presenza di due trampolini olimpici per salto con gli sci ed ogni anno vi si tengono le sessioni di gare per la Coppa del Mondo della specialità.

Descrivere la città sarebbe lungo…Vi invito quindi a visitarla. Per informazioni utili potere rivolgerVi all’ Ente Turismo Polacco a Roma.